BIG ROCK DAY – I nuovi sognatori

Il giorno 11 Novemebre abbiamo contribuito alla nascita dei nuovi sognatori,  presso il cinema Corso di Treviso i nostri ragazzi di terza hanno conosciuto il mondo fantastico della big rock.

Ingredienti per il sogno

  • Creatività
  • Tecnica
  • 37 Alunni delle classi terze di Grafica e Comunicazione
  • 3 docenti
  • I Big Rocker

The BigDay è molto più di una conferenza. The BigDay è una comunità che richiama tutti coloro che sono desiderosi di imparare e trarre ispirazione da relatori innovativi ed internazionali. Una combinazione di creativi, 3D artist, motion designer, cinema, gaming, sviluppatori, professionisti, studenti e… curiosi. Il punto di incontro che invita i talenti di tutto il mondo a conoscersi e collaborare.

Il tema di questa prima edizione è rappresentato nel suo slogan: “is the D that matters”. È il 3D, infatti, in tutte le sue sfaccettature, ad essere il comune denominatore degli speaker che si susseguiranno nei due giorni. Speaker che ci dimostreranno come, in ogni produzione, personale o professionale, cinematografica e non, i fattori più importanti siano il metodo e l’idea.

sito dell’evento -clicca qui

 

20161111_111511

I nostri allievi con Giampietro Fabre dell’azienda MPC di Londra, autore molteplici effetti per diverse pellicole, tra cui Interstellar, The Martian etc..

20161111_124348

Alcuni momenti del Workshop con l’utilizzo del software Maya 3D.

20161111_122711

 

Sketchbook

Al confine tra un dario e un libro d’artista, lo sketchbook ha in sè la magia, la forza e la libertà che solo un’opera d’arte dedicata a se stessi può avere.  E’ la storia di un vissuto, di emozioni, un appunto per la propria memoria ma soprattutto per la propria anima.

La classe 4Ag ha ricevuto da qualche giorno uno sketchbook e queste sono le prime pagine realizzate.

Seguiteci nei prossimi articoli per scoprire il colorato mondo dello sketchbookingSketchbook 20161105_154759_resized_1 picsart_11-05-03-49-37_resized_1

Progetto “Il monastero si racconta”

ilmonasterosiracconta

La sala Flumina del Museo Grandi Fiumi, è stata da cornice alla presentazione del progetto “Il Monstero si racconta”. L’iniziativa nasce da un’idea di Stefano Turolla che tempo fa, nel corso di alcune ricerche archivistiche sul Monastero Olivetano, fu colpito dalla nutrita presenza di manoscritti dell’abate don Alessandro Rossi. In particolare la sua attenzione si soffermò su un codice, il Notabilium, nel quale l’abate rodigino annota minuziosamente tutti gli accadimenti (dalle questioni legali a quelle edilizie) inerenti il Monastero nel periodo compreso tra il 1733 e il 1765. Il materiale raccolto costituiva una sorta di narrazione, quasi un racconto. Il Monastero, attraverso gli scritti di Rossi, e non solo, si raccontava, narrava la sua storia, si descriveva.

Il progetto è stato realizzato grazie alla combinazione di diverse competenze: CeDi onlus, associazione molto attiva nella promozione e nella valorizzazione del patrimonio storico culturale polesano, e Fondazione Banca del Monte di Rovigo, da sempre impegnata nel recupero e nella valorizzazione dell’identità storico-culturale polesana e negli interventi educativo-formativi. Proprio quest’ultima mission ha permesso la partecipazione della scuola e quindi dei giovani. Il programma di “Alternanza Scuola Lavoro” studiato con l’Istituto d’Istruzione Superiore Edmondo De Amicis, con gli indirizzi Grafico e Turismo, ha consentito di unire due aspetti fondamentali del progetto: creare una grafica più giovane e una comunicazione turistica, con particolare riguardo verso le generazioni under 20, e coinvolgere attivamente i giovani studenti in una esperienza formativa che permettesse di avvicinarli al mondo del lavoro e di riappropriarsi del patrimonio culturale del proprio territorio.

Il progetto “Il Monastero si racconta” si rivolge sia ai cultori della materia, per il rigore scientifico e la correttezza delle informazioni fornite, sia a tutti coloro che a vario titolo si recano nella struttura del Monastero, oggi sede del Museo dei Grandi Fiumi, sia, ancora, a chi non si è mai avvicinato all’ex complesso Olivetano quale invito a visitarlo. L’intento del progetto è, senza trascurare la funzione museale dell’edificio, quello di richiamare l’attenzione sul valore del “contenitore”, così ricco di storia e di cultura.

Concretamente il progetto consta di varie azioni didattico-informative. Innanzitutto, una pannellistica chiara ed esaustiva che sintetizza il lavoro di ricerca e suggerisce la suggestione dei luoghi dell’ex complesso monastico denominati “spazi ritrovati”. Un primo pannello informativo, collocato nell’androne d’ingresso, riporta le quattro fasi dell’evoluzione storico architettonica del Monastero dall’anno della sua fondazione (1255) al raggiungimento dell’impianto attuale (1755), la storia del monastero riportata da don Alessandro Rossi nel Notabilium con la riproduzione delle due pagine del codice e relativa trascrizione, e la disposizione degli spazi interni del piano terra così come si presentavano a metà del ‘700. Un secondo pannello, posizionato sulla vetrata che chiude la porta di accesso al piano primo, riporta le destinazione degli spazi interni di questo piano sempre riferiti alla metà del XVIII secolo. Oltre venti targhe, poi, costituiscono il percorso storico-culturale “Gli spazi ritrovati”, posizionate in corrispondenza di altrettanti locali, che riportano le destinazioni d’uso degli ambenti così come si presentavano nel 1755.
Inoltre, il progetto ha previsto la predisposizione di un QR code, posizionato sul primo pannello, che rimanda alla sezione “Il monastero si racconta”, ospitata nel sito web istituzionale della Fondazione Banca del Monte di Rovigo. Qui è possibile accedere ad informazioni dettagliate sul progetto e qui si può scaricare l’audio-racconto “I ricordi che serbo nel cuore. Trent’anni di storia letti attraverso la testimonianza di Don Alessandro Rossi, ultimo Abate di governo, nel suo Notabilium (1733 – 1765)”, a cura di Luigi Marangoni, Stefano Turolla e Donatella Girotto.
Il progetto, infine, ha visto la produzione di un depliant che, come per la pannellistica descritta, è stato ideato con il coinvolgimento dell’Istituto De Amicis, l’indirizzo Grafica per la progettazione e l’indirizzo Turistico per la traduzione in lingua.

Il progetto Il Monastero si racconta è promosso e realizzato da Cedi onlus e Fondazione Banca del Monte di Rovigo con la collaborazione di Comune di Rovigo, Museo dei Grandi Fiumi, Fondazione Rovigo Cultura, Turismo e Cultura, CTG Centro Turistico Giovanile Veneto, Istituto Istruzione Superiore De Amicis di Rovigo e con il patrocinio della Provincia di Rovigo.

Domani aprirà la manifestazione Caro viaggiatore scrivi anche tu, tuo Alessandro Rossi, perfomance teatrale di e con Luigi Marangoni.
Seguiranno i saluti delle autorità e gli interventi dei rappresentanti degli Enti promotori e di chi, a vario titolo, ha collaborato alla realizzazione del progetto.
Al termine della presentazione in Sala Flumina, a cura del direttore scientifico del progetto, seguirà l’illustrazione della pannellistica e, successivamente, la visita guidata negli “Spazi ritrovati”, un percorso attraverso le destinazioni d’uso dei vari ambienti del monastero così com’erano alla metà del XVIII secolo.
Chiuderà la mattinata, a cura degli allievi di ENAIP Rovigo, una degustazione di piatti ispirati alle ricette di Bartolomeo Scappi, cuoco secreto di Papa Pio V, tratte dalla sua opera pubblicata a Venezia nel 1605.

Interventi di:
Massimo Bergamin, sindaco di Rovigo;
Luigi Costato, presidente Fondazione Banca del Monte di Rovigo;
Giampiero Beltotto, presidente Fondazione Rovigo Cultura;
Elena Papa, dirigente I.I.S. Edmondo De Amicis di Rovigo;
Alice Faccio, rappresentante di CeDi Onlus;
Cinzia Girotto, direttore progetti speciali ENAIP Veneto;
Stefano Turolla, direttore scientifico del progetto.
E’ prevista inoltre la testimonianza degli studenti del I.I.S. Edmondo De Amicis di Rovigo che, nell’ambito del programma di Alternanza Scuola Lavoro 2015-2016, hanno partecipato al progetto.
Coordina Giorgio Lazzarini, segretario generale Fondazione Banca del Monte di Rovigo.

fondazione Banca del Monte-clicca qui

video racconto

video you tube

dsc_1017dsc_1003dsc_1060dsc_1055

Nuova Sede Scolastica di Palazzo Montalti

L’anno scolastico 2016/2017 inizia con una grande novità, ci siamo trasferiti!
La nuova sede dell’indirizzo Grafica e Comunicazione è l’antico palazzo Montalti in corso del popolo a Rovigo. Il fabbricato originariamente non era come si presenta a noi oggi, ma si è costituito a seguito di diversi acquisti da parte della famiglia Patella, unendo proprietà contigue. Il palazzo, dalla bella facciata in stile classico, si eleva su quattro piani; dalla facciata posteriore si guarda in un ampio giardino, un tempo ricco di pini e di un frutteto sperimentale. All’interno si possono ammirare tre gessi “Umberto Maddalena” di Guido Cremesini, “Madonna della Pace” di Virgilio Milani, “Guglielmo Marconi” di Augusto Sanavio e il busto in marmo di Giovanni Miani eseguito dall’artisti Virgilio Milani.
La nuova sede sarà l’occasione migliorare non solo la didattica ma per creare un vero polo “tecnico grafico di notevole importanza”.

Spettacolo Mafia Liquida – 30 Marzo 2016

LIBERO CINEMA IN LIBERA TERRA10 EdizioneCorviale Roma 14 Luglio 2015
LIBERO CINEMA IN LIBERA TERRA10 EdizioneCorviale Roma 14 Luglio 2015

Mafia-Liquida_1Schermata 2016-04-28 a 19.34.45Schermata 2016-04-28 a 19.34.38Sabato 30 MARZO a partire dalle ore 9:00 presso la nostra Aula Magna, sarà presentato lo spettacolo “Mafia Liquida” evento interattivo per capire le reti e le trame che ruotano intorno alla mafia e alle associazioni criminali in Italia e l’estero. Lo spettacolo finanziato dal MIUR e già spettacolo di apertura della giornata contro le Mafie organizzata lo scorso anno a Palermo, sarà presentato dall’artista Vito Baroncini.
Per approfondimenti:
il fatto quotidiano

rai news

Uscite didattiche sezione Grafica e Comunicazione

home20160419_105907_resized

20160419_135222_resized

IMG-20160420-WA0011_resized

20160419_105119_resized

20160419_105437_resized

20160419_105404_resized

20160419_104711_resized

Schermata 2016-04-20 a 19.11.35Si sono svolte nei giorni 19 e 20 Aprile le consuete uscite didattiche dedicate alla conoscenza dell’arte contemporanea e moderna.
Hanno iniziato l’approfondimento didattico al museo le classi Quinte che nella giornata di martedì 19 si sono recati a Bologna in visita di due mostre accompagnati dai docenti Pierro e Marinetto.

Street Art – Banksy & Co. L’arte allo stato urbano

approfondimento sul sito: Street Art

e la visita alla galleria d’arte moderna di Bologna (Mambo)
Mambo

Il giorno 20 è toccato agli allievi delle classi terze e quarte accompagnati dai docenti, Marrone, D’orazio, Buttafuoco, Calzolari,Bianchini, Panzarea, che hanno visitato rispettivamente:
Le sale della collezione Peggy Guggenheim e la mostra dedicata ad Aldo Manuzio. Il rinascimento di Venezia presso le sale espositive dell’Accademia.

approfondimenti su mostra manunzio

Alfredo Pierro